Progetto nuova chiesa - PARROCCHIA SFARANDA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Progetto nuova chiesa

 

LA COMUNITA' DI SFARANDA
HA BISOGNO DI RITROVARE PRESTO
LA PROPRIA IDENTITA'


A PARTIRE DAI CITTADINI
E CON L'AIUTO DI TUTTI
GLI ENTI, ASSOCIAZIONI
E ISTITUZIONI VARIE
SIAMO FIDUCIOSI
IN UNA RINASCITA


lA FACCIATA DELLA CHIESA PRIMA DELL'ABBATTIMENTO
PER NON DIMENTICARE

QUESTE DUE LETTERE VERRANNO SPEDITE AI DIVERSI DESTINATARI INDICATI


COMITATO SPONTANEO
PER LA DIFESA DELLA PARROCCHIA
MARIA SS. ANNUNZIATA
98070 C.DA SFARANDA
CASTELL'UMBERTO (ME)


AL MINISTERO DEI BENI CILTURALI
AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA
AL PRESIDENTE DELL'A.R.S
AI CAPI GRUPPI DELL'A.R.S
AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA
AI GRUPPI CONSILIARI DELLA DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

AGLI ENTI VARI (FONDAZIONI BANCHE, POSTA …  )

                                                                     e p.c. AL VESCOVO DELLA DIOCESI DI PATTI       (ME)
AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTELL'UMBERTO (ME)


                

OGGETTO: Richiesta contributo per cofinanziamento costruzione nuova chiesa e locali parrocchiali in nuovo sito Sfaranda Castell'Umberto (ME) a seguitodemolizione frana 2010

La borgata Sfaranda del comune di Castell'Umberto  è una comunità di più di 1000 abitanti e che, negli anni, non ha subito come i diversi centri montani alcun calo demografico, perché gli abitanti oltre ad essere molto legati alla propria terra natia, hanno anche una specifica laboriosità attuata attraverso un piccolo sistema economico, che poggia su diverse  imprese  e attività commerciali, le quali hanno permesso la permanenza di tante famiglie in loco, forti proprio  dei servizi  che la comunità si e' conquistata negli anni, con sacrifici  e battaglie sociali. La prima forma di rappresentanza comunitaria è stata  la costruzione di una chiesetta che nel tempo è stata ampliata con il conseguente riconoscimento di parrocchia (ad oggi quasi 70 anni) e  che successivamente ha inglobato diverse borgate limitrofe di Tortorici per una popolazione di circa 2000 abitanti in totale. La chiesa in quest'area ha sempre svolto un ruolo molto importate nel sociale e ha rappresentato il fulcro della crescita socio economica della borgata Sfaranda e, come già detto, delle realtà limitrofe.
La scuola elementare e materna era il fiore all'occhiello della nostra borgata. L'ufficio postale conquista più recente(circa un ventennio) ha completato la rete dei servizi essenziali della comunità rendendo vivibile ed evitato lo spopolamento negli anni della stessa.
Purtroppo la frana del 2010 che ha colpito il cuore  storico della borgata, dove ricadevano i servizi essenziali della comunità, ha portato all'abbattimento di chiesa e scuola con promessa  da parte della protezione civile di ricostruzione in altro sito.  Abbiamo atteso con pazienza (circa tre anni) per vedere l'inizio dei lavori di consolidamento del centro storico. L'inizio dei lavori ha riacceso  la speranza nella rinascita della comunità che ha deciso con tenacia di non abbandonare la propria borgata.
Notizie di questi giorni, però, rischiano di mandare in frantumi il senso di comunità e la rinascita della stessa. A seguito dell'interessamento del nostro vescovo di Patti siamo entrati in un finanziamento di contributo del 75 x 100 da parte della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) per la costruzione di una chiesa e dei locali parrocchiali, il tutto per  un progetto di circa 1milione e 700 mila euro.
L'opera, però, può essere completata solo se si riesce ad intervenire con il 25 x 100 di fondi propri che rappresentano una cifra esagerata per la già martoriata comunità, che ha subito un dissesto idrogeologico di recente e stenta a ripartire. Pensiamo, pertanto, che un impegno economico di tale portata per il cofinanziamento metterebbe in difficoltà sia la parrocchia che la diocesi, crollando cosi l'ultimo sogno di vedere rinascere una grande struttura ed un patrimonio immobiliare tra chiesa e locali annessi che rappresenterebbero una certezza di futuro per gli sfarandini che non intendono lasciare la propria terra, specie in un momento così difficile della vita economica del paese, e non dimenticando i gravi danni socio-economici di 1000 abitanti che ancora riescono a sopravvivere nel proprio territorio.
Questo, in sintesi, è il motivo per cui  ci rivolgiamo a tutte le autorità in indirizzo fornendo su richiesta dettagli sul progetto in possesso, della diocesi di Patti, con la speranza di sensibilizzare gli animi in modo da poter partecipare alla realizzazione di una speranza con  un contributo da utilizzare per la ricostruzione del luogo sacro tanto caro agli sfarandini. L'importo del cofinanziamento per la realizzazione del progetto: acquisto terreno e opere varie ammonta a circa 600.000 mila euro.
Per qualunque chiarimento rivolgersi alla Parrocchia Maria SS. Annunziata: Tel/fax 0941.432179; E-mail info@parrocchiasfaranda.it.


Fiduciosi
I cittadini tutti     






COMITATO SPONTANEO
PER LA DIFESA DELLA PARROCCHIA
MARIA SS. ANNUNZIATA
98070 C.DA SFARANDA
CASTELL'UMBERTO (ME)



AL MINISTERO DEI BENI CILTURALI
AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA
AL PRESIDENTE DELL'A.R.S
AI CAPI GRUPPI DELL'A.R.S
AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA
AI GRUPPI CONSILIARI DELLA DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

AGLI ENTI VARI (FONDAZIONI BANCHE, POSTA …  )

                                                                     e p.c. AL VESCOVO DELLA DIOCESI DI PATTI       (ME)
AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTELL'UMBERTO (ME)



OGGETTO: Richiesta contributo ricostruzione in loco chiesetta in legno - struttura leggera  a seguito demolizione frana 2010 contrada Sfaranda Castell'Umberto (ME)

La comunità, della borgata Sfaranda del comune di Castell'Umberto (ME) oltre a sostenere il progetto da realizzare nel nuovo sito con i fondi della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), ha deciso che una volta terminati i lavori di consolidamento nel centro storico, intende ricostruire una chiesetta con fondi propri e contributi vari,  nel luogo in cui è stata demolita la storica chiesa, con una struttura leggera in legno, costruita secondo le norme urbanistiche in materia vigenti. Il costo di tale iniziativa, dovrebbe all'incirca aggirarsi intorno alla cifra di 200 mila euro.

Si comunica che, gli eventuali interessati a sostenere quest' ultima iniziativa, potranno prendere visione del progetto e degli eventuali costi sul sito della parrocchia: http://www.parrocchiasfaranda.it/.  
                                                                                                        
Si precisa inoltre,che è ben accetto qualunque contributo  sul c/c postale n° 8832276 intestato alla Parrocchia Maria SS. Annunziata.

                                                                                                        

Fiduciosi
I cittadini tutti     



Le due lettere sono firmate da alcuni rappresentanti della comunità




Parrocchia Maria SS. Annunziata
C.da Sfaranda                                 
98070 Castell'Umberto (ME)

Tel/fax 0941.432179;

http://www.parrocchiasfaranda.it/

E-mail info@parrocchiasfaranda.it                                                                                            

c/c postale n° 8832276
intestato alla Parrocchia Maria SS. Annunziata.

IBAN: IT06E0760116500000008832276



ANCHE IL SINDACO
CON TUTTA L'AMMINISTRAZIONE
E' FAVOREVOLE ALLA RICHIESTA
DEL COMITATO SPONTANEO



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu